Faccio il barbiere...

Faccio il Barbiere e vedo la città che cammina al di là della vetrina, una città che immagino meno frenetica e più vitale se avesse uno spazio dove rallentare, guardare, ascoltare, giocare: semplice interpretazione di spazio per chi vuole esprimere un'emozione. E allora apro la porta, aggiungo sedie, improvviso un palco: "Benvenuta vivace curiosità!" Qui si ospitano fantasia e creatività, che sono la mia passione, e mi dà tanta soddisfazione vederle intrecciarsi alle persone.

lunedì 16 gennaio 2017

PRESENTAZIONE VIDEO RESIDENZAMBIENTE

Quest'estate 10 creativi si sono cimentati per 4 giorni in una residenza artistica in cui hanno trasformato dei rifiuti in opere d'arte che sono state esposte a Festambiente. 

Martedì 17 alle 20.30





Durante la serata: 
proiezione del reportage 
    I Tesori della ricicleria di Walter Ronzani (10') 
 performance artistica del musicista Davide Mattiazzi
    della coreografa e danzatrice Slobodanka Boba Bosio Olar  
    che lavoreranno con dei tubi di plastica recuperati. 

La serata si concluderà con un aperitivo autogestisto.
È gradito il contributo eno/gastro. 


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 
RESIDENZAMBIENTE è stato organizzato da 
Associazione culturale ARTuro, Spazio Nadir, Galleria Mirror e Festambiente Vicenza, in collaborazione con Coop. Insieme e AIM Ambiente.





venerdì 13 gennaio 2017

GERARDO BALESTRIERI

Gerardo Balestrieri 
piano e voce

Domenica 15 gennaio
ore 18.30




“Sono canzoni scritte da tempo e mai custodite in un cassetto.
 Canzoni che ho portato dentro, dietro e addosso
 nei tanti traslochi e nei luoghi dove ho vissuto.
 E c’è un po’ di tutto: automobili e clarinetti del 1910,
 due traduzioni del patafisico del jazz Boris Vian, 
amori nascosti e abbandonati nella porcellana
 ritrovati prima dell’autunno come fiori nel miele.
 C’è un twist un po’ sciueppss, 
parole incise sui fichi d’India, il sax baritono
 e una donna che dicenta cavallo. 
Frullatori, atomizzatori, spezie e bugie. 

China del Bengala e un giallo pandarah”

Ingresso con tessera ARTuro 2017, che si può fare la sera stessa (5€)

Alla fine dello spettacolo si farà cappello per contribuire alle spese dell'artista

E' gradito il contributo eno/gastro

martedì 10 gennaio 2017

SIRIA

Siria: ieri, oggi. Una discussione con Massimiliano Trentino (UniBo)

Martedì 10 gennaio ore 20.30





Con Massimiliano Trentin, ricercatore dell'Università di Bologna specializzato nella storia del Medio Oriente e del Nord Africa con particolare interesse per l'influenza reciproca fra diplomazia, economia e sviluppo, discutiamo di che come si sta evolvendo il conflitto che dal 2011 dilania la Siria. Da dove nasce la guerra civile?
 Quali sono gli attori in campo? Che cosa cambia dopo la conquista di Aleppo da parte di Assad? 

Queste alcune domande a cui l'incontro cercherà di fornire, se non risposte, almeno elementi di comprensione.


lunedì 2 gennaio 2017

INAUGURAZIONE CONCERTO

PALERMO, UNA VEDUTA
Di Marco Centasso
A cura di Valentina Fin

RAME
IO voce
Marco centasso contrabbasso
Mauro Spanó piano
Giovanni Fochesato sax tenore 
Filippo Mampreso batteria
Pezzi originali

Domenica 8 gennaio ore 17.00





Una veduta è una ripresa dal vero. I vedutisti veneziani del Settecento svilupparono, con la veduta,
 il gusto per una realizzazione artistica non spettacolare, sia per il soggetto che per la dimensione.
“Palermo, una veduta” è proprio questo. Non c’è pretensione, non c’è ostentazione alcuna. E’ una ripresa dal vero. Il voluto e netto bianco e nero è una scelta stilistica in linea con questo principio. Ma la veduta non è solo questo. Veduta è l’atto fisico del vedere e l’artista si fa testimone oculare della realtà. 
Veduta è forza visiva, è facoltà di discernimento e l’artista, con lo strumento ottico, rende immortale l’aspetto stesso delle cose che si vedono.
 Veduta è capacità di vedere, cioè di comprendere con l’intelletto, con particolare riferimento al modo di vedere, cioè di giudicare le cose;
 e l’artista, attraverso la macchina fotografica, vede, certo, ma comprende anche profondamente e giudica, imprime.
 Si tratta di un sigillo, quasi di una convalida. 
L’artista è colui che suggella, sancisce, a partire da ciò che vede con gli occhi e con l’intelletto.
Questa mostra, vuole essere solo Palermo, una città incantevole, proprio come l’abbiamo veduta.









giovedì 22 dicembre 2016

SANTO STEFANO POST ROCK


Presentazione del nuovo disco dei

Nova Sui Prati Notturni

Non Expedit

(Dischi Obliqui)


Lunedì 26 alle 17.00







I Nova sui prati notturni realizzano otto brani che mettono a fuoco ambientazioni e suoni in arrangiamenti serrati,
 blindati da una ritmica nervosa. Dalla berlinese Plastic Sun Rising, allo space rock di Duane Barry, sino al tributo a Pavel Florenskij di Non Expedit,
 che conclude l’opera con una cavalcata ritmico-percussiva che porta i Nova verso territori inesplorati.





E' gradito il contributo enogastro


mercoledì 14 dicembre 2016

APERTIVO JAZZ PER EMERGENCY

Un aperitivo con concerto, verrà chiesto un piccolo contributo che,
 tolte le spese, sarà interamente devoluto al reparto di maternità dell'ospedale 
di Anabah in Panshir (Afghanistan)".

Giast Adagio
Jazz palustre
Brani originali

Gian Lorenzin - tastiera
Stefano Porro - batteria
Adalberto Bresolin - sax tenore

Giorgio Manzato - basso

Domenica 18 alle 18.00






Emergency è un'associazione umanitaria che cura
 le vittime delle guerre e della povertà 
e che promuove una cultura di pace e il rispetto 
dei diritti umani.